Tipi di sensori

CCD

CCDIl CCD (acronimo dell'inglese Charge-Coupled Device) consiste in un circuito integrato formato da una riga, o da una griglia, di elementi semiconduttori (photosite) in grado di accumulare una carica elettrica (charge) proporzionale all'intensità della radiazione elettromagnetica che li colpisce.
Questi elementi sono accoppiati (coupled) in modo che ognuno di essi, sollecitato da un impulso elettrico, possa trasferire la propria carica ad un altro elemento adiacente.
Inviando al dispositivo (device) una sequenza temporizzata d'impulsi, si ottiene in uscita un segnale elettrico grazie al quale è possibile ricostruire la matrice dei pixel che compongono l'immagine proiettata sulla superficie del CCD stesso. Questa informazione può essere utilizzata direttamente nella sua forma analogica, per riprodurre l'immagine su di un monitor o per registrarla su supporti magnetici, oppure può essere convertita in formato digitale per l'immagazzinamento in file che ne garantiscano il riutilizzo futuro.
Attualmente il tipo più comune di sensore digitale di SLR (useremo SLR come sinonimo di Reflex Digitale). Quasi ogni fornitore di SLR offre almeno un modello CCD.
Pro: Tradizionalmente, la più alta qualità di immagine, pixel per pixel. I sensori attuali comprendono chip innovativi progettati la incrementare la portata o la velocità.
Contro: più costoso, più potente.

CMOS

CMOSLa Tecnologia CMOS (Complementary metal oxide semiconductor) è un tipo di tecnologia utilizzata in elettronica per la progettazione di componenti digitali utilizzando transistor. I primi sensori Cmos utilizzati in elettronica erano piuttosto economici, ma rumorosi. Eliminando i circuiti supplementari, si è aumentata la zona di raccolta di ogni pixel, la sensibilità e la qualità quindi d'amplificazione sorpassando quello di molti sensori CCD.
Pro: Teoricamente, costo di produzione più basso. Meno potente che il CCD.
Contro: I sensori CMOS tendono ad essere più grandi dei loro equivalenti CCD, pertanto utilizzabili in fotocamere più grandi.

> Formati di sensori

Quasi tutti i sensori digitali di SLR sono molto più grandi e conseguentemente molto più costosi di quelli delle fotocamere digitali semplici. I modelli digitali attuali di SLR usano i seguenti formati di sensore:

Nota
I sensori più grandi sono il segreto delle migliori prestazioni delle SLR (reflex): 10 megapixels di una reflex digitale battono i 10 di una comune fotocamera. Per diffondere lo stesso numero dei pixel sopra una più grande zona del sensore, i pixel (tecnicamente, photosites che contengono i diodi) devono essere più grandi. Questi photosite più grandi raccolgono più luce, producendo immagini più nitide, maggiore portata e migliori prestazioni ad elevati parametri ISO.

 

Pertanto di che risoluzione di sensore ho bisogno?

> Fa male la polvere?

Ogni volta che cambiate l'obiettivo, correte il rischio di accumulare polvere sul sensore, che nel migliore dei casi può provocare pixel difettosi mentre nel peggiore dei casi potete rovinare le parti interne della vostra macchina fotografica.
A meno che non effettuate i vostri scatti in ambienti molto polverosi e sabbiosi, ma se prendete la cura ragionevole quando scambiate gli obiettivi, la polvere non dovrebbe essere una preoccupazione enorme; la maggior parte delle macchine fotografiche sono dotate di tecnologie antidust (antipolvere), che agiscono attraverso una vibrazione del sensore prima dell’utilizzo in modo da eliminare le particelle di polvere.